Sappiamo bene che il comportamento criminale non ha sempre e necessariamente delle basi logiche a supporto. A volte, pero’, la realtà supera l’immaginazione e ci lascia sconvolti, come il caso di Joshua Lee-Long, 26enne da Penn Township, Pennsylvania.

Il giovane venne arrestato poichè connesso ad una serie di furti avvenuti in quella zona. Poche ore dopo la sua cattura, una moltitudine di volanti della polizia furono viste sfilare di fronte alla roulotte in cui viveva – con grande sorpresa di tutti i vicini.

Specialmente quando videro i poliziotti rimuovere dall’abitazione una strana scatola dal misterioso contenuto.

Twitter
Twitter

A quanto pare, la scatola conteneva un cervello rubato ed era etichettato con la scritta “Freddy”.

iStock
iStock

Secondo la polizia il cervello fu trovato a seguito della chiamata della zia di Long che stava ripulendo la roulotte dopo l’arresto del nipote. Avendo trovato la scatola, la zia fece una telefonata al nipote chiedendo spiegazioni. Lee-Long ammise soltanto che il cervello era suo e a quel punto la zia chiamo’ le forze dell’ordine.

La ragione di questa stravagante refurtiva è che Lee-Long ed un suo amico avrebbero di li’ a poco drenato la forma aldeide dal cervello per applicarla poi alla marijuana che erano soliti fumare per intensificare il principio attivo della droga.

iStock
iStock

Pare che il mix tra le due sostanze sia estremamente comune nel narcotraffico. La forma aldeide è ben conosciuta per le sue elevate reazioni psicoattive quando inalata o fumata.

Wikipedia
Wikipedia

Si sostiene infatti che possa causare un prolungamento dell’effetto base della cannabis o generare allucinazioni di tipo uditivo o visivo.

Beh, questa non me l’aspettavo proprio.. nè avrei mai pensato potesse succedere! Pare comunque che il cervello sia stato rubato da uno studio di ricerca medica di qualche tipo.

Se quindi conoscete qualcuno che ha perso un cervello siete pregati di contattare la polizia di Penn Township.

Vi ringraziamo per la collaborazione.

Fonti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here