Corso di sopravvivenza: scampare all’impatto di una cometa seguendo alcuni precisi accorgimenti

“Un corso di sopravvivenza contro lo schianto di una cometa?” Starete forse pensando che è una follia. Secondo gli scienziati, le probabilità che una grossa cometa colpisca la Terra nelle prossime centinaia di anni è assolutamente improbabile.

Ciò non significa che non possa comunque capitare.

65 milioni di anni fa un asteroide colpì la Terra, cosa che secondo gli scienziati causò l’estinzione dei dinosauri. Nonostante 100 tonnellate di materiale penetri la nostra atmosfera ogni giorno, la maggior parte dei detriti è molto piccola e dunque sottoposta a combustione al contatto con l’atmosfera. Nulla che richieda un corso di sopravvivenza di certo, se però un asteroide di proporzioni maggiori colpisse la superficie terrestre le conseguenze sarebbero catastrofiche. Ciò non significa che tutti gli esseri umani perirebbero: ecco che un efficace corso di sopravvivenza entra in gioco, dandoci la possibilità di utilizzare alcune tattiche di sopravvivenza per scampare alla morte!

Corso di sopravvivenza parte 1: prepararsi all’impatto

corso di sopravvivenza: prepararsi all'impatto
corso di sopravvivenza: prepararsi all’impatto

Prestate attenzione alle previsioni degli astronomi di qualsiasi possibile collisione con la Terra. La NASA ha al momento nel suo libro paga un team di astronomi che tengono traccia delle comete al momento in viaggio all’interno del nostro sistema solare. Risulta che c’è una buona probabilità che loro siano a conoscenza per tempo di un grosso asteroide pronto a impattare contro il nostro pianeta. La prima parte di questo corso di sopravvivenza vi suggerisce dunque di prestare massima attenzione alle notizie provenienti dalla NASA al fine di prepararsi bene in anticipo, precorrendo di qualche mese il possibile impatto.

Corso di sopravvivenza parte 2: abbandonare le aree costiere

corso di sopravvivenza: abbandonare le aree costiere
corso di sopravvivenza: abbandonare le aree costiere

Dato che la Terra è costituita di acqua per il 71%, c’è un’alta probabilità che una cometa colpisca una delle parti oceaniche del nostro pianeta. Questo causerebbe tsunami di proporzioni inedite sin dal primo momento dell’impatto, causando la distruzione di diverse città situate in aree costiere. La seconda parte di questo corso di sopravvivenza suggerisce dunque di abbandonare le aree costiere per evitare tsunami ma anche smottamenti e inondazioni, possibili per via dell’incremento di vapore acqueo che una cometa nel fondo di un oceano causerebbe.

Corso di sopravvivenza parte 3: spostarsi in un bunker o struttura fortificata con fonti energetiche

Corso di sopravvivenza: spostarsi in un bunker o struttura fortificata
Corso di sopravvivenza: spostarsi in un bunker o struttura fortificata

La terza parte di questo corso di sopravvivenza vi suggerisce di trovarvi un bunker sotterraneo in cui rinchiudersi durante l’impatto e le ore successive. Questo salvaguarderebbe anche da diversi pericoli ambientali come contaminazioni atmosferiche o un incredibile abbassamento delle temperature dovute a ingenti quantità di acqua nell’atmosfera. Assicuratevi dunque che il vostro bunker sia provvisto di allacciamenti energetici per scaldare la struttura (un generatore con combustibile sufficiente a qualche mese dovrebbe bastare).

Se un bunker è fuori della vostra portata, provate a fortificare meglio che potete la struttura in cui deciderete di rimanere. Dovrete in questo caso prediligere strutture con delle fondamenta molto solide e che non siano sopraelevate.

Corso di sopravvivenza parte 4: acquistate cibo, acqua, medicine e rifornimenti di ogni genere per sostentarvi durante l’intero arco di tempo

corso di sopravvivenza: acquistare sufficienti viveri di ogni genere
corso di sopravvivenza: acquistare sufficienti viveri di ogni genere

Se la cometa dovesse impattare sulla terraferma, polvere e particelle rocciose renderebbero l’atmosfera ostile alla vita per mesi o anni. Assicuratevi di avere cibo a sufficienza per sostentarvi per un periodo di tempo simile. Congegni di comunicazione come radio o walkie talkie, torce e medicamenti dovrebbero essere parte integrante delle vostre provviste. RICORDATE: il numero di calorie giornaliere necessarie a un uomo si aggira intorno alle 2,500 calorie, mentre per le donne è di 2,000 calorie.

Corso di sopravvivenza parte 5: difendersi dopo l’impatto

corso di sopravvivenza: difendersi dopo l'impatto
corso di sopravvivenza: difendersi dopo l’impatto

La parte quinta di questo corso di sopravvivenza riguarda i pericoli collaterali a una situazione catastrofica come l’impatto di un asteroide. Nel caso in cui tu ti sia preparato bene alla catastrofe mentre altre persone non lo hanno fatto, diventerai bersaglio di altri esseri umani desiderosi di rubare le tue risorse per sopravvivere. Non preferire le armi ai beni di prima  necessità: un fucile a ripetizione e una pistola con munizioni a sufficienza dovrebbero bastare per proteggere il tuo rifugio e risorse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here